A Collegno il primo Centro estivo pilota per minori con autismo

Si terrà dal 12 giugno e fino all’ 8 settembre 2023 a scelta delle famiglie per un periodo di 5 settimane nelle scuole Montessori – Cattaneo – Don Milani a Collegno il primo Centro Estivo pilota per minori con disturbi delle neurodivergenze.

Il progetto si è sviluppato grazie ad un percorso di comunità sostenuto da associazioni e cittadini, adottato con mozione di indirizzo dal Consiglio comunale e concretizzato dall’Amministrazione comunale certosina.

Il Comune infatti procederà a coordinare gli interventi e a garantire ai minori iscritti il servizio di assistenza specialistica favorendo la continuità didattica e relazionale utilizzando le stesse figure di riferimento che seguono bambini e ragazzi durante l’anno scolastico.

L’investimento totale sarà di 97mila euro, che si andranno a sommare al budget totale di 136mila euro già previsto per i centri estivi.
Le attività del Centro estivo saranno gestite da educatori ed educatrici delle Cooperative Aldia e 3e60. La formazione degli operatori è stata affidata al BUM Centro Autismo di Pinerolo, convenzionato con l’ASL TO3 e attivo in progetti per bambini e ragazzi con disturbo dello spettro autistico.

Il progetto è stato sostenuto da Corricollegno/Corrisolidale e Geniaut, il Consorzio Ovest Solidale procederà invece ad attuare gli interventi specifici previsti.

«Fare le stesse esperienze di tutti i compagni rispettando tempi e spazi dei ragazzi più fragili, questo è l’obiettivo del centro estivo pilota: una vera e propria esperienza di coprogettazione e integrazione. A Collegno la condivisione di intenti porta a realizzare servizi altamente qualificati, ma soprattutto calibrati per le esigenze di tutti.

Intorno a questo tema, per il quale abbiamo da anni impiegato risorse e maturato consapevolezze attraverso percorsi formativi, si è mossa la comunità intera, grazie anche a Corri solidale» – dichiara Clara Bertolo assessora all’Istruzione della Città di Collegno.

“Sono molto orgoglioso di questo risultato, innovativo e di alta sensibilità di comunità, frutto delle intuizioni e delle battaglie per i diritti per tutti e del lavoro professionale e volontariato di tante persone” – spiega il Sindaco Francesco Casciano, “famiglie, associazioni, cittadini, Consiglio Comunale, Giunta, dipendenti del Comune e delle Cooperative hanno lavorato gomito a gomito per offrire una nuova e importante occasione di inclusione per I ragazzi.

Un risultato eccezionale che conferma ancora una volta la tradizione sociale partecipativa della nostra Città”.


Source link