Allegri dopo Juve-Lazio: “Importante tornare alla vittoria”

L’allenatore della Juve: “Buon secondo tempo, però il discorso qualificazione ancora non è chiuso. Ora abbiamo il campionato da sistemare”

“Cosa ho detto ai ragazzi all’intervallo? Di correre verso la porta avversaria”, ha detto l’allenatore della Juve Max Allegri dopo i tre punti contro la Lazio nell’andata della semifinali di coppa Italia. “E’ stato importante tornare alla vittoria – ha aggiunto Allegri -. Il discorso qualificazione ancora non è chiuso ma ora abbiamo il campionato da sistemare”.

episodi e analisi

—  

Sull’episodio del rigore prima dato e poi tolto: “Le decisioni arbitrali vanno accettate, inutile discuterle dopo”. Quindi l’analisi del match: “Il primo tempo è stato equilibrato, il secondo ci ha visto creare molte occasioni davanti a un’ottima Lazio. I ragazzi sono stati bravi, abbiamo fatto un primo tempo equilibrato, nel secondo abbiamo accelerato”.

sui tifosi

—  

Tre punti, primo round conquistato, ma anche un motivo di amarezza: “Mi dispiace quando sento i fischi rivolti ad Alex Sandro, un veterano della Juve che ha giocato 300 partite, vinto scudetti e fatto interventi importanti. Rispetto i tifosi, ma in questo caso i fischi sono sbagliati. Sarebbe meglio che incoraggiassero la squadra”. Sulla squadra: “Sento dire che giochiamo male e sarà sicuramente così, ma sotto il piano dell’impegno i ragazzi non sono mai mancati. Hanno giocato di squadra, con grande umiltà e determinazione. Giustamente stasera i ragazzi devono godersi la serata”. La chiusura è su Cambiaso: “A volte si penalizza dal punto di vista mentale, ha grandi margini di crescita. Ha fatto un secondo tempo veramente importante e bello come tutta la squadra”.

FUTURO

—  

“Stiamo lottando per la finale di Coppa Italia e per qualificarci in Champions. Se il 25 maggio saremo fuori da questo vorrà dire che la stagione non è stata all’altezza. L’allenatore è valutato per i risultati e bisogna fare quelli. Quando non ci sono il primo sulla graticola è l’allenatore”.




Source link