Berrettini, rientro da incubo a Stoccarda: battuto da Sonego


Sull’erba preoccupante prestazione del romano al rientro da due mesi di infortunio e non ancora a posto. Sonny in fiducia gli dà 6-1 6-2

Federica Cocchi

Dai red carpet al green carpet è stato un salto forse troppo ardito. Matteo Berrettini, al rientro dopo due mesi dall’infortunio agli addominali che lo aveva colpito, ha raccolto appena 3 game contro Lorenzo Sonego. Una prestazione davvero preoccupante quella del romano che pur se al rientro dopo un lungo stop è apparso molto lontano da una forma atletica accettabile. Lo scorso anno, sempre dopo il problema agli addominali che gli aveva fatto saltare tutta la stagione sul rosso, era rientrato segnando una doppietta Stoccarda-Queen’s che lo aveva proiettato in vetta ai favoriti di Wimbledon, a cui non ha partecipato causa Covid.

CHE SUCCEDE?

—  

Cosa è successo dunque all’ex numero 1 italiano, nonché 6 al mondo? L’infortunio è completamente guarito, o si è presentato sui prati di Stoccarda, il Boss Open, per obblighi di sponsorizzazione? Matteo in Germania difendeva il titolo, ora nel live ranking è già sceso al numero 33. Ma il problema si porrà anche la settimana prossima al Queen’s dove Berrettini ha altri 500 punti da difendere. Prima di questo match il record di Berrettini era di 20 vittorie negli ultimi 21 incontri su erba. L’unico ko risaliva alla finale con Djokovic del 2021.

SONNY DISPIACIUTO

—  

Sonego ha dovuto suo malgrado essere spietato: “Non sono felice per la prestazione di un rivale che è anche il mio miglior amico sul circuito. Gli auguro di fare bene nel prossimo torneo – ha detto Sonego -. Io ho giocato il mio miglior tennis, ero molto concentrato e cercavo di non pensare che dall’altra parte della rete c’era un amico”. Per Berrettini un vero dramma personale e sportivo tanto che all’uscita dal campo non sarebbe stato capace di trattenere le lacrime. Il torinese invece è apparso molto in palla, ricordando a tutti che sull’erba sa come si gioca, anche se non è questo 6-1 6-2 a un giocatore probabilmente ancora infortunato a dare le giuste indicazioni.




Source link