Buona la prima per la Celeste: i Bielsa boys ne fanno 4 al Nicaragua


Di quella squadra, Bielsa, vicino al 68esimo compleanno, ha tenuto ben poco, ponendo fine alla carriera in Nazionale di mostri sacri come Luis Suárez, Edinson Cavani, Diego Godín, Martín Cáceres e il portiere Fernando Muslera. Questo taglio consistente, che ha segnato anche l’avvento di giocatori come il terzino sinistro ex Boca Juniors e Talleres, del Córdoba, Lucas Olaza (oggi ne retrocesso Valladolid), 28 anni, e il portiere dell’Unión Santa Fe, Santiago Mele, fa parte di un rinnovamento che ha avuto il favore della maggioranza dei tifosi uruguaiani, salvo qualche critica nel caso di Cáceres.

E Bielsa ha iniziato, come la squadra, subito con un’aura positiva, perché già dopo 8 minuti Douglas Arezo aveva già aperto le marcature (20 minuti dopo avrebbe sbagliato un calcio di rigore), vantaggio che al 38′ Rodrigo Zalazar avrebbe allargato, nel primo dei due gol che ha segnato nella fredda notte di Montevideo. L’altro sarebbe stato segnato dal centrocampista offensivo dello Schalke 04, Brian Rodríguez.

L’unico “neo” della serata per il “Loco” è arrivato nei minuti di recupero, quando il portiere Franco Israel (23 anni, gioca nello Sporting Lisbona) su un innocuo calcio di punizione di Mateo Tanlongo ha reagito in ritardo a un colpo di testa di Luis Coronel che ha colpito il palo destro e sulla ribattuta lo stesso giocatore ha finito per trasformare l’unico gol dei centramericani del Nicaragua allenati dal cileno Marco Figueroa.


Source link