Chivasso, uomo si lancia dal sesto piano: è vivo

È al momento in coma farmacologico all’ospedale di Chivasso l’uomo che, nella tarda serata di mercoledì, si è lanciato dal sesto piano dell’appartamento in cui vive. Il fatto in una palazzina alle porte di Chivasso, tra via Caluso e via Baraggino.

Secondo quanto si apprende, la caduta dell’uomo sarebbe stata attutita prima da un cavo dell’illuminazione pubblica che, trattenendolo, lo avrebbe poi fatto sbattere contro il motore di un climatizzatore. L’uomo avrebbe finito la sua corsa precipitando su una automobile in sosta. A dare l’allarme alcuni residenti della zona.

L’uomo, ferito, era cosciente quando è stato soccorso dalle ambulanze della Croce Rossa con i sanitari del 118. Dopo averlo stabilizzato, lo hanno trasportato al pronto soccorso dell’ospedale di Chivasso.

Sul posto anche i vigili del fuoco di Chivasso e Torino, e i carabinieri della Compagnia di Chivasso. Non ci sono dubbi sulla volontarietà del gesto.

Un’efficace prevenzione del suicidio richiede che ognuno sia a conoscenza dei fattori di rischio del suicidio e sappia come gestirli.
Pensare che una persona cara, un familiare, un amico, un collega si possa suicidare, certamente spaventa e fa sentire impotenti. Quando si conosce una persona, tuttavia, siamo spesso in grado di dire quando è in crisi, perché siamo in grado di riconoscere il suo disagio.
Ci sono molti modi in cui si può supportare. Questo sito vuole aiutare sia chi sta pensando al suicidio sia a riconoscere quando qualcuno è a rischio di suicidio e capire le azioni che si possono intraprendere per aiutarlo.
Il suicidio è un rimedio definitivo ad un problema temporaneo. Un’altra soluzione è sempre possibile!

Il dialogo è la via più concreta per poter iniziare ad aiutare chi vede la vita come un peso.

Oltre al numero di emergenza 112, puoi provare a parlarne con Telefono Amico, tutti i giorni dalle 10 alle 24 al numero 02 2327 2327 o tramite la webcallTAI gratuita all’indirizzo www.telefonoamico.net.

 


Source link