Conte: “La voglia di allenare c’è ancora: aspetto un progetto serio per valutarlo’


Il tecnico ha parlato ad Arezzo dove ha ricevuto il premio “Timone d’oro”: “Al Tottenham ci sono state cose positive e altre meno, ma l’esperienza è stata bellissima”

Al momento è fermo. In attesa di una chiamata. Ad Arezzo, dove ha ricevuto il premio “Timone d’oro”, Antonio Conte ha parlato con la stampa presente alla cerimonia: “La voglia di allenare c’è sempre, la passione non tramonta mai. In quel caso mi dovrò guardare dentro e pensare di non fare più questo mestiere. Ma non ho l’ansia di cercare una panchina, dovesse capitare qualcosa di importante e serio lo prenderei in esame, in Italia o all’estero”.

Esperienza Tottenham

—  

Conte ha anche parlato della sua ultima esperienza al Tottenham: “Ci sono state cose positive e altre meno, ma l’esperienza è stata bellissima, abbiamo fatto il massimo e dato tutto quello che avevamo. Quando sono arrivato la squadra era ottava/nona, e siamo arrivati in Champions. Poi quest’anno, con la squadra quarta, ho deciso di dividere la mia strada con quella del Tottenham, perché molti si accontentavano del percorso fino a quel momento”.

INTER

—  

Conte ha poi parlato dell’Inter sconfitta in finale di Champions dal Manchester City: “L’Inter che ha fatto qualcosa di straordinario e per aver raggiunto la finale vanno dati grandissimi meriti ai calciatori, all’allenatore e al club. Così come anche alla Roma e alla Fiorentina. Quest’anno le squadre italiane in Europa hanno dimostrato che non siamo lontani dalle altre. Ero convinto al 200% che il Manchester City avrebbe sofferto contro l’Inter che è una formazione molto preparata e che non è mai semplice da battere. Il City ha sentito il peso di essere favorito. Lukaku? Ha dimostrato il suo valore anche anche in quei 30 minuti della finale in cui è entrato e la pericolosità della squadra è aumentata. Quest’anno ha avuto problemi fisici ma non puoi mettere in dubbio il suo valore”.

Berlusconi e il Milan

—  

Eccoci a Berlusconi: “È stato un visionario. Tutte le cose che si è messo a fare le ha fatte sempre ad altissimo livello e alla guida del Milan è stato straordinario. Lui e Galliani hanno provato a portarmi al Milan in passato. Per me questo è motivo di orgoglio e soddisfazione perché parliamo di due persone che mi hanno sempre apprezzato. Come io ho sempre apprezzato loro”. Finale su Spalletti: “Complimenti ai calciatori del Napoli, a Luciano e al club. Vincere a Napoli non è facile e Spalletti ha fatto qualcosa di importante”.


Source link