Dal Brasile gli audio choc di Robinho: “Ragazza ubriaca, non ricorderà”


Robinho è stato condannato a 9 anni di carcere: ecco le conversazioni che rimbalzano dal Brasile tra l’ex giocatore e i suoi amici

Dal Brasile rimbalzano le conversazioni tra Robinho e i suoi amici utilizzate dalla Procura italiana nell’indagine che lo vede coinvolto nel presunto stupro in una discoteca milanese nel 2013. Negli audio, del 2014, gli amici riconoscono di aver avuto rapporti sessuali di gruppo con una donna e parlano di strategie per difendersi da possibili accuse. Ricordiamo che l’ex milanista è stato condannato a nove anni di carcere per i fatti.

Anche se mi chiamano per qualcosa, non c’è problema. Vado lì e dico: innanzitutto, la storia risale a un anno fa. In secondo luogo, non ho nemmeno toccato quella ragazza”, dice Robinho, la cui preoccupazione principale era che il caso finisse sulla stampa: “Ho paura di… Se non appare sulla stampa, è fantastico. Immaginate: Gli amici di Robinho violentano una ragazza in Italia“.

Nonostante smentisca i fatti, gli audio chiariscono che c’è stata una relazione di gruppo e che la donna era incosciente a causa dell’assunzione di alcol. “Ho dormito con lei, ho avuto un rapporto orale e me ne sono andato. Gli altri sono rimasti lì. La telecamera non mi avrebbe ripreso mentre dormivo con la ragazza”.

Uno degli amici poi dice: “Robinho dorme con lei, lei ha rapporti con Alex, è vero zio. Come fa la ragazza, che era ubriaca, a ricordarselo?“.

L’ex milanista, consapevole che la partenza per il Brasile avrebbe salvato le persone coinvolte a causa della mancata estradizione di cittadini brasiliani in altri paesi, commenta: “Chi l’ha toccata è in Brasile. Vai dietro a quelle persone che sono in Brasile. Lì, in Brasile. quelli che hanno dormito con la ragazza. Io non mi sono sdraiato, tu non ti sei sdraiato. […] Che sono andato a letto, zero possibilità. Finirà nel nulla“, insiste l’ex giocatore.


Source link