Francesco Nuti morto a 68 anni: la carriera e la lunga malattia


L’attore toscano da anni combatteva con le conseguenze del trauma cranico dovuto a una brutta caduta in casa

Riccardo Cristilli

– Roma

Francesco Nuti è morto a Roma oggi, lunedì 12 giugno 2023, nello stesso giorno di Silvio Berlusconi. L’attore toscano aveva 68 anni e ormai da diverso tempo era sparito dalla scena pubblica dopo le conseguenze di un incidente in casa. 

Morto Francesco Nuti

—  

La morte di Francesco Nuti è stata annunciata dalla figlia Ginevra e dai suoi famigliari. Nella nota diffusa Ginevra ha chiesto il rispetto della privacy e ha specificato che la famiglia non rilascerà dichiarazioni. La famiglia di Francesco Nuti ci ha tenuto a ringraziare il personale sanitario di Villa Verde a Roma, dove era da tempo ricoverato l’attore. Aveva compiuto 68 anni lo scorso 17 maggio. L’associazione della Stampa Estera in Italia gli aveva appena assegnato il Globo d’oro alla Carriera che la figlia Ginevra dovrebbe ritirare durante la cerimonia il prossimo 5 luglio. 

l’incidente nel 2006

—  

La sua vita cambia il 2 settembre del 2006 quando cadde dalle scale in casa e sbattendo la testa subì un grave ematoma cranico. Restò in coma fino al 24 novembre 2006 al Policlinico Umberto I di Roma ma non riuscì più a tornare in piena forma. Tra le sue ultime apparizioni pubbliche si ricorda la partecipazione nel 2011 a Stasera che Sera con Barbara D’Urso, un’ospitata che fu molto criticata vista la difficoltà dell’attore toscano a interagire con la conduttrice. Nel 2016 a seguito di una nuova caduta, venne ricoverato al CTO di Firenze e poi trasferito nella clinica romana dove è morto nella giornata di lunedì 12 giugno. Dal 2017 dopo esser diventata maggiorenne, la figlia Ginevra, è diventata l’unica tutrice del padre.

la carriera di francesco nuti 

—  

La carriera di Francesco Nuti inizia nel 1977 come attore monologhista dilettante. Alessandro Benvenuti e Athina Cenci lo notano e lo inseriscono nella loro compagnia dei Giancattivi. A fine anni ’70 arriva in tv a Non Stop, il programma tv da cui sono emersi anche Carlo Verone, Lello Arena, Massimo Troisi e tanti altri. Nel 1982 arriva l’esordio al cinema con Ad Ovest di Paperino diretto da Benvenuti ed è dello stesso anno Io, Chiara e Lo scuro con Giulia De Sio in cui interpreta un portiere d’albergo con la passione per il biliardo. Grazie al ruolo ottenne il successo sperato ma anche premi come David di Donatello e Nastro d’Argento

Nel 1985 inizia la carriera da regista con Casablanca, Casablanca in cui riprende i personaggi di Io Chiara e lo scuro. Gli anni ’80 sono quelli del successo di Francesco Nuti. Nella vita privata si fidanza prima con Clarissa Burt che dirige in Caruso Pascoski di padre Polacco e poi Isabella Ferrari che recita con lui in Willy Signori e Vengo da lontano. Nel 1991 esce Donne con le gonne. Nel 1995 arriva il flop OcchioPinocchio in parte compensato dal successo de Il Signor Quindicipalle con Sabrina Ferilli del 1998. I flop di Io Amo Andrea e Caruso zero in condotta del 2001, esasperano la depressione e i problemi con l’alcol. Nel 2004 sembra esser riuscito a superare i problemi con Concorso di Colpa in cui ritrova Alessandro Benvenuti. La caduta nel 2006 quando stava per tornare sul set, lo ha definitivamente compromesso.




Source link