“In Cibo Civitas”, un premio a chi promuove la cultura dei sistemi alimentari so…

“In Cibo Civitas”, un premio a chi promuove la cultura dei sistemi alimentari sostenibili

È possibile partecipare al bando fino al 3 maggio. Il progetto è promosso da LVIA in collaborazione con il Comune di Cuneo e altri enti

Rimarrà aperto fino al 3 maggio il bando per accedere al fondo “re-granting” del progetto “In Cibo Civitas: Empowerment, Azioni, Territorio per una cittadinanza che nutre il futuro”, che mira a premiare e sostenere idee progettuali innovative e concrete per promuovere l’economia circolare del cibo e i sistemi alimentari sostenibili.

Possono partecipare al bando le attività con base nelle regioni coinvolte dal progetto, tra le quali figura il Piemonte. Con un fondo premiante complessivo di 32mila euro, suddivisi in 8mila euro per regione, il bando mira a premiare le iniziative volte a informare e coinvolgere la cittadinanza sulle tematiche cruciali del progetto. Eventi, workshop, video, podcast e festival sono solo alcune delle iniziative che potrebbero ricevere supporto finanziario.

La call, aperta lo scorso 25 marzo, scade il 3 maggio alle ore 17. Le candidature dovranno essere presentate compilando il form disponibile al link: https://forms.gle/ZwYCqVgG2H611bzf9, allegando un video di presentazione dell’idea e del team di progetto, nonché tutti gli allegati ritenuti utili a documentare la fattibilità dell’idea presentata.

Questo bando è solo una delle numerose opportunità di partecipazione offerte dal progetto “In Cibo Civitas”, un’iniziativa che promuove comportamenti e partecipazione per favorire un sistema alimentare sostenibile. Il cibo diventa strumento di inclusione e condivisione, capace di proporre stili di vita che riducono l’impatto ambientale. Protagonisti del cambiamento sono i giovani, che insieme ad altri attori del territorio (docenti, famiglie, comuni, imprese, realtà del terzo settore), diventano cittadini attivi e informati in termini di “competenze green” nei settori inerenti la filiera del cibo e favoriscono l’attivazione e l’impegno associativo nelle reti civiche per l’attuazione di politiche del cibo sostenibili.

Il progetto è promosso da Associazione LVIA, capofila del progetto “In Cibo Civitas”, in collaborazione con il Comune di Cuneo, Slow Food Italia, Comune di Torino, Comune di Castelbuono, Comune di Firenze, Comune di Forlì, Comune di Cesena, Comune di Borgo San Lorenzo, ImpactSkills, Università degli Studi di Torino (UniTo) – Dipartimento di Filosofia e Scienze dell’Educazione (DISEF) e riceve il sostegno dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo.

Per ulteriori informazioni è possibile visitare la pagina del progetto (https://lvia.it/incibocivitas/) o quella dedicata sul sito del Comune di Cuneo (https://www.comune.cuneo.it/socio-educativo/cooperazione-internazionale/in-cibo-civitas.html).




Source