Juve, sulle fasce oltre Vazquez obiettivo Odriozola. E piace Holm


Chi arriva? Chi resta? A destra i bianconeri puntano i due esterni del Real Madrid, ma piace anche Holm. Mentre va avanti la trattativa a oltranza con il Marsiglia per trattenere Milik

La Signora parte dai saldi delle big europee. Dopo la missione inglese a “Casa Chelsea”, la Juventus cerca una buona opportunità tra i giocatori che il Real Madrid sembra disposto a sacrificare a costi “umani” e non galattici. Occhi puntati soprattutto sulla fascia destra, che alla Continassa hanno intenzione di rivoluzionare. Con Danilo trasformatosi a tutti gli effetti in centrale, Juan Cuadrado in uscita (al colombiano non verrà rinnovato il contratto) e Mattia De Sciglio ai box fino a gennaio (rottura del crociato), i rinforzi dovrebbero essere due. Dopo i recenti contatti per Lucas Vazquez, dalla Spagna filtra un ritorno di fiamma bianconero per Alvaro Odriozola, già sondato in inverno.

Odriozola, 27 anni, conosce bene l’Italia e la Serie A, dove è stato protagonista con la maglia della Fiorentina nel 2021-22. In viola, prima di rientrare al Real Madrid nell’ultima stagione, ha collezionato 25 presenze, sfornato cross a getto continuo e lasciato un buon ricordo anche lontano da Firenze. Per tutti questi motivi la Juventus sta pensando anche al laterale basco per rinfrescare la fascia destra. E Odriozola, stando agli spifferi che giungono da Madrid, in Italia ci tornerebbe volentieri. Una trattativa non c’è ancora con il Real Madrid, ma l’idea esiste e il nome dell’ex Real Sociedad e Bayern rientra nella lista della Juve. Odriozola ha il contratto in scadenza tra un anno (2024) e Florentino Perez sembra disposto ad agevolare l’uscita del basco pur di evitare il rischio di perderlo a zero fra dodici mesi.

Per la stessa ragione – contratto fino al 2024 – il Real Madrid non considera incedibile Lucas Vazquez, che rispetto al compagno di squadra è più esperto sotto tutti i punti di vista. Dall’età (il primo luglio compie 32 anni) ai trofei conquistati con i Blancos (18, con ben 4 Champions), di cui in questi anni si è rivelato un prezioso jolly di fascia. Un po’ ala e un po’ terzino, lo spagnolo cresciuto nel vivaio del Real Madrid è garanzia di affidabilità e duttilità ad alto livello. Lucas Vazquez non è considerato incedibile: per una cifra tra i 6 e gli 8 milioni potrebbe lasciare il Bernabeu.

I due madridisti, seppur diversi per età e stipendio, sono considerati alternativi. Già, perché l’orientamento del d.s. Giovanni Manna è quello di ingaggiare anche un profilo più giovane. Un talento under 25 come il gioiellino Ivan Fresneda, 18enne del Valladolid (clausola da 20 milioni, corteggiato anche da Borussia Dortmund e Arsenal), o come Emil Holm, 23enne dello Spezia seguito pure dall’Atalanta. Tanto lo spagnolo quanto lo svedese, reduce da un brutto infortunio, sono retrocessi con i rispettivi club e sicuramente nei prossimi mesi cambieranno maglia. Esattamente come succederà a un altro 23enne: quell’Andrea Cambiaso di proprietà della Juventus e reduce dal prestito al Bologna. L’ex Genoa inizierà il precampionato alla Continassa, poi Allegri deciderà se confermarlo o meno tra i big.

Max ha le idee già chiare, invece, su Arek Milik. La Juve non ha esercitato l’opzione di riscatto per il polacco (7 milioni), però continua a trattare a oltranza con il Marsiglia. I bianconeri puntano ad ottenere un nuovo prestito, ma con un obbligo di riscatto a una cifra minore e condizionato al raggiungimento di alcuni traguardi, sia individuali (numero di presenze del giocatore) sia di squadra (qualificazione alla prossima Champions). Il club francese sarebbe anche disposto a cedere di nuovo Milik a titolo temporaneo, però al momento continua a pretendere un futuro riscatto più facile (da realizzare) e garantito. La sensazione è che i due club, che stanno conducendo una trattativa fitta proprio in queste ore, alla fine arriveranno a un punto d’incontro. Soprattutto perché la volontà del giocatore è emersa forte e chiara anche ieri dal ritiro della nazionale polacca: «Sarei felice di restare a Torino, lì sto bene e l’allenatore mi vuole», ha detto l’ex Napoli. Massimiliano Allegri è il primo sponsor di Arek, che alla Juve ha collezionato 39 presenze (21 da titolare) impreziosite da 9 reti, nonostante l’infortunio al bicipite femorale che l’ha tenuto fuori per un mese e mezzo proprio tra febbraio e marzo, condizionando la seconda parte della sua stagione. «So che i bianconeri stanno parlando con il Marsiglia, spero che possano trovare un accordo», si è poi augurato lo stesso Milik. Che nella Juve del futuro potrebbe avere un ruolo ancor più di primo piano, a maggior ragione se dovesse partire Dusan Vlahovic (Chelsea e Bayern in prima fila). Ma tra il Milik bis e la Juve, resiste l’ombra della Lazio e di Maurizio Sarri, il quale non ha ancora abbandonato l’idea di riabbracciare l’allievo dei tempi napoletani.


Source link