La Lazio punta Schouten: ecco il regista per Sarri


Operazione da 15 milioni, già avviati contatti con il club emiliano. Sono Torreira, Gedson e Boloca le alternative

Schouten mette la testa davanti a tutti. C’è una svolta nella caccia al nuovo playmaker da parte della Lazio. La candidatura del centrocampista olandese del Bologna è balzata in vetta nella lista dei giocatori monitorati dal club romano per il ruolo di regista. Oltre che Schouten ne fanno parte l’uruguaiano Torreira (Galatasaray), il portoghese Gedson Fernandes (Besiktas) e l’italo-romeno Boloca (Frosinone). Sullo sfondo ci sarebbe anche il sogno Jorginho (Arsenal), un sogno che sembra però destinato a rimanere tale, visti i costi (soprattutto quelli, insormontabili, dell’ingaggio).

Tutto su Schouten

—  

Depennato (o quasi) Jorginho, restano in piedi le altre candidature. Quella di Schouten è al momento la più credibile per una serie di motivi. Innanzitutto quelli tecnici. Per Sarri ha le caratteristiche ideali per interpretare al meglio il ruolo di play. Ha inoltre l’età giusta (26 anni) ed anche una più che buona conoscenza del campionato italiano, visto che indossa la maglia del Bologna da quattro stagioni. Ma soprattutto è un tipo di calciatore che viene ritenuto il co-titolare ideale di Cataldi. Non così ingombrante da fare ombra al romano (come sarebbe Jorginho), ma neppure troppo inesperto, così da essere un’alternativa su cui fare poco affidamento. Anche i costi sono tali da rendere percorribile questa pista. Il Bologna lo valuta circa 15 milioni, cifra però un minimo trattabile. E anche l’ingaggio del giocatore non è di quelli che spaventano. Attualmente il club emiliano gli garantisce uno stipendio di circa 1 milione di euro l’anno, la Lazio potrebbe offrirgliene uno da 1,5 milioni a stagione. Schouten, insomma, convince sotto tanti punti di vista. Ed è per questo che con il Bologna ci sono già stati dei contatti che sono propedeutici all’apertura di una trattativa vera e propria. La società emiliana è disposta a cederlo, a patto però che vengano esaudite le sue richieste. Anche perché il tecnico Thiago Motta non sarebbe particolarmente entusiasta della cessione dell’olandese. In ogni caso il Bologna per cautelarsi si sta già muovendo alla ricerca di un eventuale sostituto. Potrebbe essere uno dei profili che sta seguendo pure la Lazio, quello dell’italo-romeno Boloca.

Gli altri tre

—  

A proposito di alternative. Quella del giocatore del Frosinone è la meno convincente. Non perché Boloca non piaccia, ma perché, pur non essendo giovanissimo (24 anni), ha alle spalle solo due campionati e mezzo di Serie B con il Frosinone (prima giocava tra i dilettanti). La doppia pista turca intriga molto di più, ma in questo caso sono i costi a raffreddare gli entusiasmi. Sia il Galatasaray per Torreira sia il Besiktas per Gedson Fernandes chiedono infatti cifre importanti. Anche perché non hanno alcuna intenzione di cedere i propri giocatori. Per Gedson il Besiktas vuole non meno di 20 milioni. Per lui ci sarebbe poi anche l’incognita dell’ambientamento in Italia. Problema che invece non avrebbe Torreira che nel nostro Paese ha giocato con il Pescara (in Serie B), la Sampdoria e la Fiorentina (in Serie A). Pure per arrivare a lui servirebbe però un investimento importante. È vero che il Galatasaray un anno fa lo ha pagato poco meno di 7 milioni (all’Arsenal), però quest’anno Torreira è stato uno dei protagonisti della vittoria della Super Lig da parte del “Gala”, che pertanto lo lascerebbe andar via solo di fronte ad un’offerta tra i 18 e i 20 milioni di euro.

E poi Zielinski

—  

La scelta di virare su un profilo, quello di Schouten, leggermente più economico dipende anche dal fatto che il nuovo play non sarà l’unico rinforzo per il centrocampo. Arriverà pure una mezzala. E arriverà a prescindere dalle eventuali partenze di Milinkovic e Luis alberto. Il candidato forte resta il polacco del Napoli Zielinski, che non ha ancora rinnovato il contratto col club partenopeo. È un’altra operazione da una quindicina di milioni di euro. La Lazio è pronta a farla per dare a Sarri un centrocampo da Champions.


Source link