Molinette, Risonanze bloccate: rinviati 50-60 pazienti al giorno


Da lunedì le risonanze magnetiche dell’ospedale Molinette sono bloccate.Prima una sospensione parziale, fino al blocco totale dell’attività. Una situazione che, denuncia il sindacato Cgil,  causa il rinvio di circa 50-60 pazienti  al giorno. La causa sono i limiti strutturali degli impianti di condizionamento che hanno provocato anomalie nei parametri tecnici: “L’aumento dell’umidità e della temperatura impedisce di svolgere esami in condizione di sicurezza dei macchinari, come peraltro segnalato da sopralluoghi Inail, che obbliga il fermo delle apparecchiature, di cui comunque si chiede la sostituzione da diversi anni”.

Una delle risonanze è in pronto soccorso, dove solitamente si fanno diagnosi anche per patologie  gravi, oncologiche e neurologiche.

“Il blocco – dice Francesco Cartellà della Cgil –  provoca il rinvio di esami per pazienti ricoverati e di pronto soccorso min attesa di diagnosi, controlli pre e post-operatori e in definizione del percorso terapeutico, creando inoltre disagi agli utenti esterni che non hanno potuto effettuare i controlli programmati, allungando così i tempi d’attesa”.

L’assessorato aveva garantito un piano di investimento per il rinnovo macchine, prosegue la Cgil: “Ora si dovrà ricorrere a soluzioni d’urgenza che aumenteranno la spesa sanitaria per garantire le attività di emergenza e dei ricoverati dell’ospedale Molinette e che andranno a sovraccaricare il territorio”. “Non era mai successo prima – dice Cartellà – che l’ospedale non potesse garantire un esame così fondamentale”.


Source link