Nba, giocatori a scuola a Milano per studiare come si costruisce un brand


Ospiti di Sda Bocconi su idea di Nbpa, 17 atleti e i loro accompagnatori stanno imparando a costruire il loro brand

Si chiama “One Court”, è un’esperienza per far crescere i giocatori Nba fuori dal campo. Quanto, gli atleti lo stanno sperimentando in questi giorni alla SDA Bocconi School of Management, nel cuore di Milano. Sono 17, hanno tutti un accompagnatore, e sono tornati sui banchi di scuola su idea della Nbpa, il sindacato giocatori, che offre loro un’occasione di imparare dalle eccellenze mondiali italiane come costruire un brand di successo.

l’idea

—  

“Mentre il nostro gioco continua la sua crescita a livello mondiale, i nostri giocatori sono sempre di più esposti ad opportunità di business e brand in tutto il mondo – ha raccontato Matteo Zuretti, NBPA Chief of International Reltaions and Marketing e uno degli ideatori di questa esperienza alla Bocconi -. One Court a Milano ha l’obiettivo di far crescere ulteriormente i giocatori come cittadini e uomini d’affari del mondo, fornendo loro la conoscenza e il network per continuare a costruire i loro brand e creare parternship durature. Siamo felici di tornare a Milano per un programma come questo e un gruppo sempre più numeroso di giocatori”. Questa edizione di One Court continua un’idea nata nel 2017 dalla partnership con l’allora International Business Academy dell’ateneo milanese, con l’obiettivo di aiutare e supportare i giocatori a comprendere il loro valore su un palcoscenico internazionale. L’idea nel corso degli anni si è sviluppata, è piaciuta sempre di più e quest’anno si è trasformata in 17 giocatori, tutti con un accompagnatore, che nello splendido nuovo campus degno di quelli Usa della Bocconi ascoltano cosa vuol dire essere un brand di successo dalle eccellenze italiane del settore. A loro serve per capire quanto è difficile arrivare in cima e “rubare” qualche segreto ai più importanti brand del mondo. E intanto cominciare a programmare la loro vita una volta chiuso dal basket, o qualche idea alternativa al gioco. Il tutto con la supervisione di una scuola di eccellenza, garanzia che i giocatori riescano ad applicare quanto hanno imparato durante questa esperienza alla crescita dei loro brand personali su scala mondiale.


Source link