Nuoto, Scozzoli affio alle gare il 24 giugno a Roma al Settecolli


Nel classico appuntamento di Roma il romagnolo concluderà una grande carriera a quasi 35 anni: è stato il primo campione mondiale azzurro in vasca corta

L’ultimo ballo. Al Settecolli di Roma, sabato 24 giugno, sarà una giornata speciale per Fabio Scozzoli: nuoterà infatti nei 50 rana per la passerella finale della sua carriera fatta di 31 medaglie internazionali, epilogo inevitabile a quasi 35 anni, che compirà il 3 agosto 1988. È nato due giorni prima di Federica Pellegrini, con la quale ha condiviso quasi 15 anni di nazionale. Il romagnolo di Forlì, che gareggia per l’Esercito e si allena a Imola con Cesare Casella, è stato tra 50 e 100 rana, finalista olimpico a Londra 2012, campione del mondo (il primo azzurro della storia) in vasca corta a Istanbul 2012, vice campione mondiale in vasca lunga a partire dal 2010, campione e medagliato europeo (dal 2010). Un agonista di razza che coglieva sempre l’attimo. È stato capitano azzurro, ha carisma da leader, modi sempre educati, un ragazzo affabile e di carattere oltreché un campione da ammirare, e ha già intrapreso l’attività di preparatore atletico a Imola. Si è allenato anche all’estero, ha recuperato da una operazione al ginocchio delicata: un combattente anche in questo. Ora ha lasciato a Martinenghi, Poggio e Cerasuolo il futuro azzurro della specialità più tecnica. Non è difficile immaginare una sua carriera da allenatore. Si è sposato un anno fa con la ranista azzurra Martina Carraro. Sta per uscire di scena uno dei grandi azzurri di questo ciclo, e la piscina del Foro Italico sarà il posto giusto per tributargli una grande festa.


Source link