Ricarica auto elettriche da casa: come fare, tutto sulle wallbox


Data la relativa mancanza di colonnine nel Paese, le wallbox rappresentano una buona alternativa per caricare la propria EV a casa. Scopriamo cosa sono, le autorizzazioni necessarie e i prezzi di questi apparecchi

Marco Bruckner

I veicoli elettrici, nonostante i diversi incentivi, non si stanno diffondendo velocemente. Uno dei problemi principali del possedere una vettura elettrica è rappresentato dalla scarsità dei punti di ricarica: le colonnine pubbliche infatti sono ancora troppo poche. Le wallbox rappresentano invece un’opzione valida per caricare la propria auto a casa in meno tempo e in maniera più sicura di quanto non sia collegarla direttamente alla corrente di casa. Scopriamo ora cosa sono le wallbox, le autorizzazione necessarie e i prezzi indicativi offerti dai fornitori di energia e dai principali gruppi automobilistici. 

wallbox: cosa sono

—  

Le wallbox sono dei dispositivi per caricare le vetture elettriche presso la propria abitazione. Solitamente vengono installate a muro, fattore da cui prendono il nome, ma ne esistono anche a pavimento. Le wallbox si collegano all’impianto elettrico già esistente: la loro installazione permette di caricare il proprio veicolo più velocemente, oltre che in maniera più sicura. Possono essere acquistate dai principali fornitori di energia, oltre che dai gruppi automobilistici che producono le wallbox a proprio marchio. 

wallbox: autorizzazioni

—  

L’installazione di una wallbox non richiede particolari autorizzazioni da parte degli enti pubblici. È necessario, invece, avere l’autorizzazione condominiale nel caso si sfruttino aree comuni dello stabile. Inoltre, se si dispone di un box in affitto bisogna ovviamente chiedere un permesso al proprietario prima di installare la propria wallbox. È possibile che si debba aumentare la potenza del proprio contatore: è infatti necessario che questo sia in grado di reggere i consumi degli elettrodomestici casalinghi uniti a quelli della wallbox stessa. In ogni caso è consigliabile far installare la propria wallbox dal proprio fornitore di energia elettrica, in modo da ridurre i rischi di sovralimentazione dell’impianto elettrico. 

wallbox: i prezzi

—  

Per dare una indicazione relativa ai prezzi di una wallbox abbiamo calcolato una media dei costi dei prodotti messi sul mercato dai fornitori di energia e dai principali gruppi automobilistici. Per quanto riguarda i fornitori il prezzo medio per una wallbox fino a 7,4 kWh è di 1.866 euro e di 2.385 per quanto riguarda i 22 kWh. Questi canoni indicativi sono comprensivi dell’installazione. Servizio normalmente non previsto quando acquistiamo una wallbox da un gruppo automobilistico, fatto che ne fa abbassare il prezzo: la media per un apparecchio che permette di ricaricare fino a 7,4 kWh è di 725 euro, mentre per quelli da 22 kWh è di 1.099 euro. Ovviamente, bisogna considerare che a queste cifre andrà aggiunta la spesa a parte per l’installazione. 




Source link