Roma, occhi su Gallo: a Trigoria ritroverebbe il suocero

Il difensore del Lecce piace ai giallorossi e a favore del suo trasferimento a Trigoria gioca una cosa in più: il vice di De Rossi è il padre di sua moglie Stephanie

Emanuele Zotti

I colori di maglia sarebbero gli stessi della stagione attuale. Il palcoscenico e la dimensione che andrebbe a vivere soltanto tra pochi mesi, invece, cambierebbero totalmente. Parliamo di Antonino Gallo, il terzino del Lecce che ieri ha creato più di qualche problema – a voler essere generosi con la retroguardia romanista – alla difesa di Daniele De Rossi. Il 24enne infatti sembra essere finito nel mirino del club dei Friedkin (nonostante la casella del d.s. non sia ancora stata riempita) per quanto riguarda i possibili rinforzi che in estate arriveranno a Trigoria per portare avanti un progetto che, nelle intenzioni della proprietà americana, prevede l’inserimento di giovani dal potenziale sicuro da valorizzare e far crescere tra le mura del Fulvio Bernardini. In Salento più di qualcuno si dice certo che il futuro dell’esterno palermitano sia già scritto, con un trasferimento nella Capitale che viene considerato quasi come cosa fatta, mentre dalle parti del quartier generale della Roma trapela molta più cautela. 

questione ‘di famiglia’ 

—  

In attesa di capire quali sarebbero i termini di un’eventuale trattativa, c’è un elemento che sicuramente farebbe propendere Gallo ad accettare il trasferimento alla Roma. Oltre all’evidente cambio di dimensione – un po’ come successo a Baldanzi durante l’ultima sessione di mercato – a spingere il classe 2000 verso la Capitale ci sarebbe anche una questione “di famiglia”. Soprattutto se, come sembra, De Rossi dovesse essere riconfermato sulla panchina giallorossa. Nello staff di DDR infatti c’è anche Guillermo Giacomazzi che, oltre ad essere il vice dell’ex centrocampista, per Gallo rappresenta in toto una figura di riferimento. Giacomazzi infatti è il suocero del terzino siciliano che ha sposato Stephanie, proprio la figlia del tecnico uruguaiano (nel 2022 la coppia ha festeggiato la nascita del piccolo Matias).

bel rapporto

—  

Recentemente proprio Gallo ha raccontato: “Il rapporto con mio suocero va oltre il calcio – ha detto Gallo -. Tra di noi parliamo soprattutto di cose importanti. Lui tiene molto alla famiglia: è una persona buona, umile, ha sani valori ed è sempre pronto a darmi consigli”. Figuriamoci quanti altri ne potrebbe ricevere se i due si ritrovassero a condividere quotidianamente lo spogliatoio, unendo al rapporto suocero-genero quello tra (vice) allenatore e giocatore. Il tutto dipenderà dalla volontà della Roma e del nuovo direttore sportivo giallorosso, che dovrebbe essere annunciato a fine stagione.




Source link