Sabotate le telecamere al semaforo. In pochi mesi avevano fatto una valanga di multe


Qualcuno ha tagliato i fili del nuovo T-red di Rivoli. La polizia municipale indaga sull’atto vandalico che ha messo fuori uso l’impianto installato tre mesi fa in corso Francia all’incrocio con via Bruere e via Macario. L’impianto era in funzione dal 18 marzo e già parecchi automobilisti erano finiti immortalati dalla telecamera che immortala chi passa con il semaforo rosso, parecchi sono anche recidivi, un automobilista ha violato il codice della strada già 21 volte da quando l’impianto è in funzione. “È l’ennesimo danno al patrimonio comunale”, commenta il sindaco di Rivoli Andrea Tragaioli. I tecnici dell’impianto sono già al lavoro per ripararlo.

Le indagini per individuare il responsabile proseguono. La polizia locale sta acquisendo i filmati di altre telecamere della zona che potrebbero aver ripreso l’arrivo o fuga dei vandali. Il responsabile deve aver agito munito di una scala per arrivare all’impianto posizionato su un palo alto diversi metri. Non è la prima volta che gli impianti per rilevare la velocità o altre violazioni del codice della strada finiscono nel mirino dei vandali: la stessa sorte era toccata al velox di viale Certosa a Collegno, un paio di anni fa, e alle colonnine arancioni sistemate a Nichelino a metà aprile, ad appena 48 ore dalla loro installazione.
 


Source link