Sinner, biglietti quasi esauriti per la finale degli Internazionali

A maggio al Foro Italico c’è il Masters italiano. Vola la prevendita

Una pioggia di complimenti che gli sono arrivati da tutte le piattaforme social, uno particolarmente apprezzato come quello dell’amico-rivale, lo spagnolo Carlos Alcaraz. Per il portiere dell’Italia, Guglielmo Vicario, il motivo è molto semplice: “Quando gioca Sinner è come quando gioca la Nazionale, a meno di impegni inderogabili si guarda Jannik”.

sinnermania

—  

A ogni vittoria, del resto, si alimenta e cresce a dismisura la Sinnermania. Jannik è ormai di gran lunga lo sportivo più popolare del nostro paese, ogni passaggio in tv delle sue partite segna record mai visti prima, il tennis è lo sport di cui si discute di più nei luoghi della socialità. A certificare l’effetto che la Volpe Rossa ha prodotto sul movimento tennistico italiano, ci sono anche i dati di prevendita degli Internazionali di Roma (+50% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno), con una dato che rivela più di ogni altro il sogno di un paese intero: sono già quasi esauriti (ne restano 200) i biglietti della finale maschile in programma il 19 maggio, con la speranza di vederlo in campo a giocarsi un titolo. Per la cronaca, un nostro giocatore non vince a Roma dal 1976 (Panatta) e l’ultima finale, sempre con Adriano protagonista (perse da Borg), risale al 1978. Onda lunga sinneriana anche sulle Finals di Torino, dove i biglietti già venduti sono il 146% in più del 2023, con un incasso che sfiora i 15 milioni di euro. “Sta battendo tutti i record, che non avevamo nemmeno sognato perché non pensavamo che sarebbe potuto succedere così in fretta — le parole di Angelo Binaghi, presidente della Federazione tennis e padel italiana —. Ora penso che debba rifiatare per arrivare ai cinque, sei appuntamenti più importanti della stagione al meglio: sarà il favorito, se in condizioni ottimali”.


Source link