Volley: Nations League, l’Italia rialza la testa, batte Cuba


La squadra di De Giorgi dopo due sconfitte consecutive ha la meglio sui caraibici. Sabato sera la chiusura con la Germania

Italia-Cuba 3-1 (25-20, 25-19, 20-25, 25-18) L’Italia vince la prima partita di questa Nations League battendo Cuba, una squadra infarcita di giocatori che si sono fatti l’esperienza nel nostro campionato. Ma questa volta sono gli azzurri a prevalere dopo due ko consecutivi. De Giorgi cambia la formazione. Partono Sanguinetti e Rinaldi (al posto di Recine) la coppia modenese esplosa quest’anno. L’Italia si trova più a suo agio rispetto ad Argentina e Stati Uniti e l’Italia macina gioco e punti e la partita si mette subito sui binari azzurri. L’Italia sbaglia meno al contrario dei caraibici che non sembrano avere un grande feeling con il coach Vives (che quasi non ascoltano) e soprattutto con il palleggiatore, già da tempo un problema di Cuba. L’Italia va via liscia e conquista i primi due set di questa Nations League dopo due brucianti 3-0 nelle prime due gare. Con Bottolo trascinatore in attacco ben supportato da Romanò. Cuba corre ai ripari cambiando il regista Taboada in panchina e Trondike in campo. La squadra si riprende anche perché l’Italia ha più di un passaggio a vuoto. Anche De Giorgi fa qualche cambio, ma il terzo set è compromesso e Cuba se lo porta a casa. All’inizio del quarto set c’è il momento più delicato.

Reazione

—  

Cuba sembra avere la spinta giusta anche se Herrera (Perugia) ha beccato un’altra giornata poco brillante. Il gioco si appoggia di più sui martelli e sul centro e la prestazione del bomber che verrà allenato da Lorenzetti nel prossimo campionato non resterà indimenticabile. Vives cambia ancora per cercare di arrivare alla parità, ma l’Italia resiste con la grande personalità di Paolo Porro che a dispetto dei pochi centimetri vince un contrasto a rete contro due marcantoni cubani. La prima vittoria del 2023 si avvicina anche Romanò si distende e conquista il bottino pieno per iniziare a risalire la classifica. Sabato sera (ore 19) si chiude la settimana con la Germania, una altra vittoria cambierebbe totalmente la prospettiva di questa trasferta canadese per l’Italia di De Giorgi.


Source link